Lei. (Dedicato a Milano)

La si ama o la si odia.

Milano.

InstagramCapture_2a40288a-b9e1-4dd1-add3-713871953f76_jpg

Io, sarò di parte e fin troppo campanilista, ma faccio parte dei primi.

Ha sicuramente un sacco di difetti e io stessa mi lamento di un sacco di cose: i mezzi non puntuali, il troppo inquinamento, le poche zone verdi, l’ora di punta e l’impossibilità di muoversi..Eppure, nonostante questo, io continuo ad amarla.

Milano non è caotica, è frenetica. Ci tengo a sottolinearlo, perchè sono due cose diverse. La gente freme in metropolitana: si aprono le porte di queste scatole di latta e fiumane di persone si disperdono lungo le banchine della metro, come tante formiche. Ma ognuno sa già dove dove andare, tutti sanno già se prendere la scala mobile che sale o quella che porta alla linea gialla, direzione Comasina. Gli unici che si impalano ai tornelli sono i non milanesi, che non sanno che se c’è scritto” Accesso libero” allora non è necessario ri obliterare il biglietto.

Milano è sempre in movimento, non dorme (quasi) mai, se non la domenica mattina..quando passeggi per le vie ed è ancora tutto sonnacchioso; costeggi il parco e  trovi i bicchieri di plastica con la fetta d’arancia dentro smangiucchiata o le bottiglie di birra abbandonate su un marciapiede, a ricordare quanto movimento e baldoria si è fatta la sera prima in quello stesso punto. Il mattino presto le vie del centro mi hanno sempre ricordato un immenso autogrill, che si anima poco o poco e che si riempie di gente che va e viene, che torna e che parte, che sosta e ritorna.

InstagramCapture_728dbef1-7bc0-4c84-b79e-6434ba11ff4c

Milano è camaleontica. Se passeggi per i Navigli di giorno, sembra di vivere dentro una di quelle cartoline ingiallite ante guerra, quelle che si vedono appese nelle vecchie osterie meneghine.. con le strade sterrate le carrozze che trottano. Non mi stupirei di vedere spuntare da un momento all’altro una sciura con tanto di foulard in testa e zoccoli che va a lavare i panni nel vicolo delle lavandaie. La sera, la sera si trasforma. Mette il vestito della festa e i Navigli non li riconosci più. Vitalità, luci, insegne, e una marea di gente.. tutti col drink in mano, a fare la fila fuori per l’aperitivo più consigliato su Tripadvisor..chi addenta un kebab o chi decide di provare a mangiare sul vecchio barcone che sosta lì da anni. ce n’è per tutti i gusti..eppure la Milano di prima, quella del giorno, quella delle cartoline ingiallite è sempre lì e te lo ricorda mentre passeggi..coi suoi cortili nascosti, con le viuzzole sterrate e con quell’atmosfera retrò impagabile.

Milano è passato e futuro uniti nel presente. Quanto adoro tutta la nuova zona di Porta Nuova: con la Torre Unicredit, Piazza Gae Aulenti e tutti i nuovi edifici nell’intorno. E’ una finestra di futuro, di contemporaneità nel presente. E si compenetra e si plasma perfettamente con la vecchia Milano, a pochi metri di distanza: non si danno fastidio, sono lì, si fanno l’occhiolino.

altAlLV_ot-M2evT58Ap4GYDMot95-KmaA3gcSTlPswE4wV

Voi direte, “si, ma Milano non c’ha il mare”.. e quindi? i tramonti mozzafiato li abbiamo anche noi..non serve mica il mare per ammirarli..Milano non è fredda e cinica come tanta gente crede. Si, c’è la nebbia, si d’inverno fa freddo e l’estate è umida e piena di zanzare (mannaggia a loro!), ma i colori dell’autunno dipingono anche i nostri parchi, la brezza primaverile sfiora anche i campanili delle nostre chiese, i temporali estivi suonano anche  nelle nostre strade.

tramonto milanese

Non puoi permetterti di prenderla alla leggera e in modo superficiale perchè così non ti piacerà mai.Alla fine è come con le persone, le cose più preziose sono anche quelle più segrete e non visibili da subito..Milano ti spinge a scoprirla.  Devi essere paziente, conoscerla poco alla volta e abituarti ai suoi ritmi esasperati. Non ti deluderà.

Milano è un ossimoro, forse anche per questo è il mio habitat.

E’ la città delle partenze e degli arrivi, delle soste e delle permanenze, dei sogni infranti e delle occasioni guadagnate; è la città per chi ride e per chi è triste, per chi corre e per chi cammina; del passato e del futuro, degli inverni freddi e delle estate caldi, degli aperitivi alla moda e del panino dal lurido;

Milano sa catturarti. Ma tu devi essere disposto a perderti in Lei.

060820131368

(dedicato a tutti quelli che la amano e che sanno di cosa sto parlando e a tutti quelli che la odiano, perchè non sanno cosa si perdono e forse vale la pena darLe una seconda possibilità)

Annunci